Consiglio dei PF, 23 settembre 2021

Nel corso della riunione tenutasi il 22 e 23 settembre, il Consiglio dei PF ha accolto con favore le misure transitorie previste dal Consiglio federale in merito a Orizzonte Europa. Esse rappresentano un primo passo per mitigare le conseguenze negative della non-associazione. Tali misure non possono tuttavia sostituire una piena associazione della Svizzera. Il Consiglio dei PF continua quindi ad invocare una partecipazione rapida e completa della Svizzera al programma quadro di ricerca dell’UE. Il Consiglio dei PF ha inoltre avviato l’iter per la selezione di chi subentrerà alla direttrice dell’Eawag, Janet Hering. Il relativo bando di concorso verrà pubblicato a fine 2021.

A causa dello status attuale della Svizzera, al momento Paese terzo non associato, i nostri ricercatori e le nostre ricercatrici non possono più partecipare a prestigiosi progetti singoli di Orizzonte Europa, come ad esempio le borse di studio del CER. Inoltre, non potranno più guidare progetti europei. In questo modo la Svizzera perde la possibilità di partecipare attivamente allo sviluppo dello Spazio europeo della ricerca e dell’innovazione e di deciderne il focus e la direzione. La Svizzera è inoltre esclusa dai bandi di concorso nella ricerca spaziale e quantistica. Si teme che i ricercatori di spicco si trasferiscano in altri Paesi, oppure non considerino più la Svizzera come destinazione professionale e che il nostro Paese non stia al passo con la ricerca internazionale. Ciò ha ripercussioni negative non solo per l’elevato potere innovativo e per l’attrattività del Settore dei PF, ma anche per la Svizzera in generale. Non solo la ricerca, ma anche imprese innovative e spin-off beneficiano direttamente dei fondi dell’UE.

Le università, gli istituti di ricerca e le aziende situate nell’UE sono i partner internazionali più importanti del Settore dei PF. Una collaborazione così intensa non può essere compensata da una maggiore cooperazione con l’Asia o con gli Stati Uniti. Oltre la metà di tutti i progetti di cooperazione internazionale di entrambi i PF avviene infatti con partner dell’UE. Per il laboratorio LPMR, il 90% dei partner contrattuali internazionali proviene dall’UE.

Il Consiglio dei PF è favorevole a un’associazione a pieno titolo al programma Erasmus
Il Consiglio dei PF è inoltre decisamente favorevole ad una piena associazione della Svizzera al programma Erasmus, oltre che a Orizzonte Europa. Erasmus apporta un valore aggiunto determinante per il nostro Paese. Non si tratta solo di un programma di scambio per studenti, ma di un’iniziativa il cui fulcro è anche la formazione professionale, l’educazione scolastica e la specializzazione. Obiettivo acclarato è creare una rete di attori del mondo della formazione, della ricerca e dell’economia e di promuoverne la collaborazione. Gli istituti universitari svizzeri dipendono da queste reti per migliorare la qualità e l’interesse delle rispettive offerte didattiche e per collocarsi con successo sulla scena internazionale. 

La legge rivista sui PF entra in vigore il 1° novembre 2021
A marzo 2021, il parlamento ha votato a favore di una revisione parziale della legge sui PF, che entrerà in vigore il 1° novembre 2021. Oltre ad altri aspetti, la legge disciplina anche il diritto di voto e i congedi per i membri istituzionali del Consiglio dei PF (le/i presidenti di entrambi i PF, una rappresentanza delle strutture di ricerca e una rappresentanza delle assemblee delle università), precisando altresì le competenze di controllo del Consiglio dei PF e le vie di ricorso disponibili presso le istituzioni del Settore dei PF. Inoltre, la modifica legislativa prevede un adeguamento nel diritto del personale e fornisce una base giuridica per la vendita dell’energia in eccesso, per i servizi di sicurezza e per la sorveglianza tramite videocamere. Secondo la legge rivista sui PF dovranno essere adeguati anche altri decreti. Ad esempio, il regolamento interno della commissione di ricorso dei PF rientra ora nell’ambito delle competenze del Consiglio federale. È previsto che tali decreti entrino in vigore nel corso del prossimo anno. 

Commissione di preparazione per la selezione della successione alla direzione dell’Eawag
La direttrice dell’Eawag Janet Hering, in carica dal 2007, andrà in pensione il 31 dicembre 2022. Per la nuova nomina di un direttore o una direttrice dell’Eawag, il Consiglio dei PF ha avviato la procedura di preparazione della selezione e ha fissato la composizione di personale della commissione di preparazione per la selezione. Il bando di concorso verrà pubblicato verso la fine del 2021, sia a livello nazionale che internazionale. La persona che succederà a Janet Hering verrà eletta dal Consiglio federale su istanza da parte del Consiglio dei PF.